Gelatina di farfara Una Corsica Zamp'ana Jewelly!

Stampa la ricetta
Ricetta per una gelatina di tussilage (Tussilago farfara). Pianta comunemente usata in Islanda (Hóffífill in islandese). Foto in fondo alla pagina
Tempo di preparazione 3 orario
Tempo di cottura da 25 a 30 verbale
Porzioni
1 litro di gelatina
Ingredienti
Le piante raccolte commestibili utilizzate nella ricetta
  • 100 g farfara (Tussilago farfara) steli e fiori
Ingredienti
  • 4 sacchetto di 2g agar agar
  • 1 Kg sucre pura canna Bio
  • 1 l acqua fonte
Altre piante nella ricetta
  • agar agar Estratto di alghe (Gelidium) e (Gracilaria)
  • Canna da zucchero (Saccharum officinarum)
Tempo di preparazione 3 orario
Tempo di cottura da 25 a 30 verbale
Porzioni
1 litro di gelatina
Ingredienti
Le piante raccolte commestibili utilizzate nella ricetta
  • 100 g farfara (Tussilago farfara) steli e fiori
Ingredienti
  • 4 sacchetto di 2g agar agar
  • 1 Kg sucre pura canna Bio
  • 1 l acqua fonte
Altre piante nella ricetta
  • agar agar Estratto di alghe (Gelidium) e (Gracilaria)
  • Canna da zucchero (Saccharum officinarum)
istruzione
  1. Pulire, sciacquare i gambi di farfara
  2. Mettere i gambi e i fiori in una casseruola con l'acqua, portare a ebollizione. Smetti di cucinare e lascia in infusione alcune ore
  3. Filtra tutto con un colino fine.
  4. Metti il ​​succo ottenuto in una casseruola. Aggiungere lo zucchero e l'agar mescolando delicatamente con una frusta.
  5. Porta di nuovo a ebollizione. Mescolare con la frusta per qualche minuto
  6. Metti in barattoli con i gambi e i fiori che sono stati messi da parte. Chiudi e restituisci i vasi
Note
Le piante in Corsica

In Corsica chiamiamo la farfara "Farfarella", fonte "unghja sumirina" Flora Corsica.

E anche "passu sumerinu" sentito una volta dentro Balagna. Ringraziamo Stefanina e Patricia arburi e fiori per questa informazione.

Si potrebbe anche chiamarlo "Calma tossa di stampa sumerina" (allevia la tosse sul gradino dell'asino)

Grazie a Christophe Limongi per l'aiuto e la sua traduzione in corso, su questa proposta di ANA.

Ringraziamo anche Danièle Brun per il suo contributo (vedi i commenti in fondo alla pagina, ricetta di gelatina di mimosa).

UTILIZZO

Il nome latino Tussilago, significa "che agisce sulla tosse". La pianta è effettivamente utilizzata in medicina di erbe nel caso tosse secca ma anche infiammazione dei bronchi, irritazione della bocca e della faringe.Inoltre, i fiori di farfara possiedono proprietà antispasmodiche e ammorbidenti.
La farfara è nel Elenco A delle piante utilizzate nella medicina tradizionalediAgenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari.

Precauzione: non consumare per un periodo più lungo di 1 mesi perché potrebbe rivelarsi tossico per il fegato a lungo termine

Link utili: wikiphyto;Doctissimo, creapharma

I passaggi della ricetta fotografica

Le piante della ricetta in foto

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *